IL FU MATTIA PASCAL

da Luigi Pirandello | regia Giacomo Colli


"Via, dunque, giù, giù, tristo fantoccio
odioso! Annegato, lì, come Mattia Pascal!
Una volta per uno!"

IL FU MATTIA PASCAL

da Luigi Pirandello
drammaturgia Nadia Buizza
regia Giacomo Colli
ripresa da Stefano Micheletti

con Stefano Micheletti Mattia Pascal
e con (in o. a.)
Alessandro Balducci Batta Malagna / Paleari
Alessandra Mattei Adriana / La Pescatore
Diego Baldoin Lenzi / Papiano
Marianna Chiaramonte Romilda / Sig.na Caporale
Marcella Romei Zia Scolastica
Alessandro Peli Pomino / Scipione

scene e costumi Giacomo Andrico
musiche Astor Piazzolla
scenografo collaboratore Rossella Zucchi
realizzazione scene Pier Emilio Gabusi
realizzazione costumi Studio Emanuela Marini
foto di scena Elia Riva

produzione Compagnia teatrale I GUITTI

Mattia Pascal sta vivendo una vita mediocre, a tratti disperata e tormentosa; ma, un giorno, guardandosi allo specchio, si vede vivere, comprende cioè di condurre un’esistenza da uomo ‘mascherato’, un’esistenza che non ama, fatta soltanto di umiliazioni e quotidiane finzioni. Lo sbalordimento che Mattia ne prova è l’inizio di una singolare battaglia tra l’uomo composto, ‘mascherato’ da una parte e – dall’altra – l’uomo che reclama una vita più incerta, più precaria, ma libera. Il personaggio di Paleari – parlando di un teatrino di marionette, dove si rappresenta la tragedia di Oreste che sta per vendicare l’uccisione del padre, avventandosi sulla madre e sull’amante di lei, Egisto – apostrofa Mattia così: “Se nel momento culminante, proprio quando la marionetta che rappresenta Oreste sta per vendicare la morte del padre, si facesse uno strappo nel cielo di carta del teatrino, che avverrebbe? Lei non pensa che Oreste rimarrebbe terribilmente sconcertato da quel buco nel cielo di carta?” E’ proprio così: Oreste, attraverso quello strappo vedrebbe l’immensità del cosmo, una prospettiva sconfinata che metterebbe in luce – per contrasto – tutta l’angustia, l’insignificanza dei suoi propositi di vendetta e dei suoi valori, destituendoli di ogni certezza; Anche Mattia pensa che al di là di quel cielo di carta, forse c’è la libertà, la rivincita per una vita nuova e felice. E vola oltre lo strappo, verso l’esplorazione di quel cielo. Ma quando cercherà la reintegrazione, all’uomo che ha tentato la fuga, che ha sfidato le convenzioni, il ritorno nel circo delle simulazioni non sarà più concesso. «L’uomo ‘composto’, ‘dabbene’, ‘associato’ che era prima della fuga, cede il posto a quello sconnesso, sbalestrato, disgregato».


Prossime Rappresentazioni

Cittá Teatro Data  
BRESCIA TEATRO PAVANELLI S. AFRA DI BRESCIA 08.02.2018 - 09:00 Prenota
BRESCIA TEATRO PAVANELLI S. AFRA DI BRESCIA 09.02.2018 - 09:00 Prenota
BERGAMO TEATRO COLOGNOLA DI BERGAMO 20.02.2018 - 09:00 Prenota
DARFO BOARIO TERME TEATRO SAN FILIPPO DI DARFO BOARIO TERME 21.02.2018 - 09:00 Prenota
MANTOVA TEATRO ARISTON DI MANTOVA 22.02.2018 - 09:00 Prenota
FERRARA TEATRO BOLDINI DI FERRARA 23.02.2018 - 09:00 Prenota

Gallery